Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Portofino si specchierà nel Golfo Persico. Lo Sceicco Manea Bin Hasher Al Maktoum ricostruirà per intero il borgo ligure a Dubai.

Riscontrare come a volte il business venga confezionato su misura per suscitare emozioni mirate e buoni sentimenti favorevoli, potrebbe indurci a commozione e sentimenti di fratellanza … ma secondo il mio modesto parere, al di là della verosimiglianza, buona fede o sincerità degli atteggiamenti di alcuni che vi partecipano, sono solo il prodotto delle agenzie specializzate di P.R. (una volta si definiva "propaganda") che predispongono i comunicati e le tattiche ed inducono i comportamenti dei vari attori e comparse, noi siamo solo coloro che dovrebbero crederci … Secondo Voi ricreare all'estero i più affascinanti contesti ambientali che abbiamo in Italia, porterà nuovi turisti nel nostro Paese? Il progetto descritto in questo articolo darà lavoro e porterà molto denaro nelle tasche delle maestranze italiane per tre anni (la durata del progetto) e dopo? Forse bisognerebbe vedere un poco oltre la punta del proprio naso e portafoglio ed avere un pensiero collettivo ed non solo individualista e campanilista, e soprattutto ci vorrebbe maggiore coerenza: com'è possibile che si impedisca di scattare foto in un museo e poi si consenta di riprodurre addirittura un intero nostro borgo? Tra i più famosi al mondo … Saluti. Claudio Martinotti
http://www.cavalieredimonferrato.it

Portofino si specchierà nel Golfo Persico. Lo Sceicco Manea Bin Hasher Al Maktoum ricostruirà per intero il borgo ligure a Dubai. Nel progetto saranno coinvolti artigiani e ristoratori del Comune in provincia di Genova.

Fonte: News ITALIA PRESS http://www.newsitaliapress.it

Dubai - E' da sempre considerata terra di sogni e opportunità, un luogo magico dove la fantasia spesso si concretizza in realtà. Dubai è l'"El Dorado" del Medio Oriente, la culla di imprenditori coraggiosi, architetti folli e sceicchi milionari. E proprio da uno sceicco, Manea Bin Hasher Al Maktoum di Dubai, arriva l'ultima grande "provocazione" messa in atto in questo Emirato arabo: la ricostruzione nei minimi dettagli in terra araba di Portofino, perla della Liguria. Il progetto è ambizioso e particolare: nelle intenzioni infatti si vuole non solo ricreare suggestioni ambientali e bellezze architettoniche del Comune ligure, ma anche offrire la possibilità di concreti scambi culturali tra Italia e Dubai, con il coinvolgimento di molte aziende italiane nel progetto, nonché di artigiani e ristoratori portofinesi ai quali sarà data l'opportunità di avere degli spazi nella nuova Portofino araba. "L'intenzione dello Sceicco - aveva spiegato alcuni mesi fa alla stampa l'avv. Giovanni Battista Martelli, Advisor legale unico dello Sceicco - è di portare a Dubai le atmosfere e persino alcune delle persone che animano Portofino, una grande opportunità per diverse aziende italiane. Un progetto che insomma non vuole creare un doppio di plastica, ma un'area dedicata ad un angolo bellissimo d'Italia, un vero e proprio omaggio".
Già esistono dei "cloni" di Portofino nel mondo, come ad esempio ad Orlando e Las Vegas, ma si tratta di piccole riproduzioni in stile parco giochi. A Dubai il progetto è diverso, poiché presta molta attenzione agli aspetti culturali e al diretto coinvolgimento degli italiani. Accanto a Portofino è prevista la realizzazione anche di Saint Tropez e Port Grimaud.
La notizia è oramai ufficiale, riportata anche dal Secolo XIX, il quotidiano di Genova, che ha parlato di 1300 milioni di investimento, 35mila abitanti previsti e 3 anni di tempo per la realizzazione. Ulteriore conferma giunge anche dal sindaco di Portofino, che non nasconde il suo entusiasmo per il progetto di Dubai. "Più di un anno fa - ha detto Giorgio Devoto, sindaco di Portofino - c'è stato il primo incontro sul tema, poi nel tempo parlando il progetto è andato avanti. Lo sceicco di Dubai mi scrisse una lettera che mi colpì molto per il sentimento di umanità e rispetto che esprimeva nei confronti dei portofinesi. Adesso la notizia della ricostruzione di Portofino a Dubai è quasi ufficiale, ma solo entro il prossimo mese ne potremo dare conferma". Ma perché uno sceicco arabo dovrebbe essere interessato a ricreare il borgo ligure nella penisola araba? "Perché Portofino - spiega Devoto - è rimasto un paese genuino, la sua gente e la sua cultura sono semplici e qui si tiene molto alle nostre tradizioni. Lo sceicco è rimasto talmente colpito da questi aspetti che il 23 aprile ha deciso di prendere parte persino alla festa del patrono San Giorgio. Come Comune parteciperemo alla costruzione. A coordinare i lavori sarà Giorgio Recchi attraverso un'impresa di costruzione italiana, ma anche gli uffici tecnici del Comune e molte persone di Portofino parteciperanno al progetto. Ci sarà un rientro economico per ristoratori, artigiani e imprese che si impegneranno nella ricostruzione di Portofino, e noi ci assicureremo che per i primi anni nessuno debba spendere soldi per l'affitto di locali o negozi. È un progetto umano e di fratellanza dei popoli, siamo tutti cittadini del mondo. Ci sarà più serenità solo quando tutti ci capiremo, quando parleremo tutti la stessa lingua. L'obiettivo del progetto è quello di unire due popoli nel rispetto reciproco".
Tuttavia c'è chi qualche dubbio sulla concretezza del progetto lo pone. Alla luce della crisi economica, quando ovunque si presta grande attenzione nel limitare spese e costi dei progetti internazionali, colpisce il fatto che qualcuno sia ancora disposto a tirare fuori molti soldi per realizzare un luogo di ricreazione, magia e stupore, sia pure esso uno Sceicco. "La notizia della realizzazione di una Portofino a Dubai mi sorprende - Francesco Alfonsi, direttore dell'Ice di Dubai - perché tutti i progetti futuri più sorprendenti sono stati accantonati a causa del generale contenimento della liquidità. Tra di essi "The World", la realizzazione di 300 isole composte per formare l'intero planisfero terrestre e messe in vendita e "Dubailand", il più grande parco di divertimenti del mondo. Anche l'idea della ricostruzione di Portofino avrebbe una funzione ricreativa, per questo mi sembra un'ipotesi remota. È più concreto che si vada avanti con l'esistente, con i progetti già in atto senza realizzarne di nuovi. La crisi economica ha toccato anche Dubai, anche se in misura minore rispetto ad altre nazioni. Per quest'anno è prevista una crescita economica del 3,1%, meglio rispetto al -1% previsto per l'Italia ma molto lontano da quella a due cifre registrata solo un anno fa. A testimonianza della crisi basti pensare che a Dubai sono in atto tre fiere internazionali di rilievo: nautica, florovivaismo e arredo per ufficio. Alle prime due partecipa anche l'Italia, ma all'ultima c'è stato il vuoto di visitatori".
In ogni caso è ancora troppo presto per sapere se i turisti di tutto il mondo potranno godere in breve tempo delle bellezze di Portofino in terra araba e, soprattutto, se la crisi economica che attanaglia il pianeta costringerà i portofinesi e i lavoratori arabi a rimandare l'inizio dei lavori di ricostruzione minuta del borgo ligure a Dubai. Simone Carletti | News ITALIA PRESS

Nessun commento: