Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

IL COSTOSO CONSENSO DEGLI ITALIANI. Ovvero i costi reali della pseudodemocrazia in cui viviamo, analisi impietosa della situazione politica e sociale

IL COSTOSO CONSENSO DEGLI ITALIANI
Fonte: Trucioli Savonesi http://www.truciolisavonesi.it
di Marco Della Luna
L’avvicinarsi delle tornate elettorali ripropone il tema della credibilità del regime.
Da una parte Antonio Di Pietro e aggregati attaccano il caimano Berlusconi accusandolo degli affari torbidi del suo passato imprenditoriale e politico, nonché di usare governo e parlamento per farsi leggi di comodo con cui sottrarsi alla giustizia.
Dall’altra parte, la stampa amica del premier contrattacca scoprendo altarini affaristici di casa Di Pietro e del suo Partito dei Valori "Immobiliari". Le mutue accuse sono, in sostanza, di usare il partito e la politica per fare soldi illegalmente. Di esser proprietari di partiti-azienda che non rappresentano i cittadini e i loro interessi, bensì interessi di famiglia dei rispettivi proprietari. Ma oggi, ormai, si è capito che tutti i partiti sono aziende, che mirano al guadagno, e che sono di proprietà dei loro capi. E’ fondamentale capire come, negli ultimi vent’anni circa, la politica ha subito un enorme aumento dei costi che i partiti devono sostenere per la raccolta del consenso, e che ciò comporta un drastico e inevitabile peggioramento del governo e dell’amministrazione del paese, a tutti i livelli.
Nelle organizzazioni stabili basate su una fede (politica o religiosa che sia) il vertice (i proprietari dell’organizzazione) ottiene consensi,appoggi, denaro, voti, lavoro, etc. dalla base in cambio di stimoli e gratificazioni ideali, carismatici.
Ossia, ottiene utilità di valore pratico ed economico ‘pagandole’ con qualcosa che il vertice stesso produce a costo zero o pressoché zero.
Il vertice ha bisogno pagare con valori economici solo un limitato numero di sostenitori e collaboratori di livello superiore:professionisti, politici, intellettuali, imprenditori – che sono consapevoli della dimensione aziendale e non sono interessati a pagamenti ‘ideali’.
Il grosso, la base, collabora gratis, per fede e passione.
La forza, l’efficienza e il profitto delle organizzazioni basate sulla fede sta proprio nel fatto che riescono a procurarsi la gran parte dei mezzi (compresi i voti, quindi le cariche elettorali) di cui abbisognano a costo pressoché nullo, sicché per prendersi un valore netto di 100 dal paese pagano un costo basso (diciamo 15) per l’acquisto del consenso e della collaborazione necessari a tale operazione.
Poiché tale costo viene pagato con denari pubblici, il costo sociale di un partito così è 115. Se invece, a seguito della perdita dell’elettorato idealista, fedele, quel partito deve pagare il consenso e la collaborazione di cui ha bisogno per prendersi 100 non più 15, ma 100 o 200, allora il costo sociale del partito in questione sarà molto maggiore, quindi il danno della casta politica verso il paese, in termini di costi e, ancor più, di mala gestione, sarà molto superiore. Del risparmio legato all’idealismo della base elettorale beneficiavano i partiti ideologici di potere: il PCI-PDS e, in minor misura, la DC.
Il sistema-paese da loro strutturato e governato era basato su tre livelli di consenso e voto:
a) un largo consenso e appoggio di base gratuito, ideologico, morale: i fedeli;
b) un’ampia platea di consensi ottenuti elargendo privilegi miseri (pensioni di falsa invalidità, pensioni baby, posti di lavoro inutili, equo canone, scala mobile, etc.) a spese delle generazioni a venire (indebitamento pubblico, inefficienza sistemica);
c) una ristretta cerchia di beneficiari di privilegi veri (come il sistema di tangentopoli, più bancopoli, che deve ancora uscire), in grado di sostenere o affondare le maggioranze a livello locale o nazionale.
Oggi la componente popolare di base a) è svanita perché la gente ha iniziato ad aprire gli occhi;
la componente b) si sta dissolvendo perché non ci sono più i soldi per pagare i privilegi miseri;
la componente c) si è concentrata in potentati finanziari sovrannazionali che, dall’alto di istituzioni non elettive (BCE, WTO, FMI), dettano ai politici direttive per riforme sempre più impopolari se non antisociali a sostegno dei loro interessi e disegni geostrategici.
In questa situazione, procurarsi consenso e sostegno dal basso è sempre più difficile e costoso, sia per i singoli partiti politici che per il potere politico nel suo insieme. La gente, per collaborare, oggi vuole qualcosa in cambio. Qualcosa di economico, non di carismatico. Per darlo, i politici devono togliere alla cosa pubblica per distribuirlo in funzione di fidelizzazione clientelare. E quel togliere (rubare, direbbero alcuni) si traduce in una sempre peggiore amministrazione della cosa pubblica. Sempre più orientata alla spremitura di breve termine a misura che le prospettive del Paese peggiorano e che il suo declino accelera. Mordi e fuggi.
Questo orientamento è semplicemente il più conveniente, il più razionale, per l’uomo politico nella presente situazione di progressivo degrado del sistema paese, dovuta a fattori strutturali e non contingenti. In tale situazione, per il politico, sarebbe illogico impegnarsi in strategie virtuose, di medio o lungo termine, volte all’investimento e al miglioramento del sistema. Deve invece puntare all’incasso rapido. Ecco che la politica italiana si riduce a, anzi si disvela come una galassia di cordate, grappolate e comitati di affari rivolti a far profitto con ogni mezzo, a spese della collettività e del sistema – vedi, appunto, Alitalia e Malpensa. Questa chiave ci permette così di capire e prevedere sia l’inevitabilità dell’evidente peggioramento della gestione del paese a tutti i livelli, che le vicende dei partiti politici maggiori. Un grande partito popolare ideologico non può più vivere. La Democrazia Cristiana, al contrario di Cristo, non riesce a risorgere dalla morte. Il PCI-PDS-DS-PD ha avuto un bel trasformarsi, ma si è consumato, spezzato, e ora,nonostante le molte alchimie, muore ingloriosamente. Prima ha perso il suo modello teorico, ossia il comunismo, che i fatti hanno screditato. Allora i suoi dirigenti, penosamente inadeguati, hanno pensato di sostituire quel modello col modello global-liberista, che è fallito in pochi anni. Nell’URSS, dove un partito unico e ideologico è fallito, la nomenklatura di quel partito non si è dissolta assieme alla teoria politica del partito stesso: si è trasformata in uno stato-mafia in mano a gerarchi ex comunisti organizzati in comitati di affari che continuano ad esercitare il potere per il profitto abusando dei pubblici poteri e senza più mascherature ideologiche. Analogamente, in Italia, caduta la sovrastruttura ideologica e morale del PCI-PDS-DS-PD, rimane la sua infrastruttura aziendale, ossia i comitati d’affari, che, indipendenti dal vertice del partito, controllano la spesa pubblica e i poteri di molti enti locali (appalti, assunzioni, carriere, sussidi, etc.) in funzione del profitto e del potere.
Un’infrastruttura che però è sempre stata lì, è sempre stata la sua realtà "infra" – ossia sotto le vesti ideologiche. Solo che adesso affiora, è venuta alla luce del giorno. E che ora, non ricevendo più vantaggi dal partito centrale, si autogoverna e gli disobbedisce.
Anche la Chiesa la Chiesa cattolica romana pare ben inoltrata su questa linea involutiva: a misura che declina la sua presa religiosa, il numero dei praticanti e dei seminaristi, il suo prestigio culturale, da un lato deve importare preti dai paesi della fame, e dall’altra, attraverso le ormai consunte vesti sacrali, traspare la sottostante, possente struttura immobiliare e finanziaria.
Ma, tolti i partiti-briciola, quale partito politico non è azienda? Quale non è proprietà della sua segreteria?
Quale è democratico e rappresentativo della base? Quale può essere e funzionare diversamente?
Un partito come il PDL è in grado di pagare il consenso di base con la moderazione fiscale a cui il suo elettorato è assai sensibile – ma in tempi di recessione e depressione economiche non riuscirà (salvo riformare la contabilità bancaria per portare alla luce e tassare il signoraggio occulto) a mantenere l’impegno di non attaccare redditi e risparmi: già si è parlato di una possibile tassa patrimoniale nonché di un’uscita dall’Euro, che svaluterebbe i risparmi in Euro del 30-40%.
La Lega è messa molto meglio del PDL, perché combina in sinergia le motivazioni ideali, identitarie e utilitarie: tutela della civiltà occidentale contro l’Islam, delle virtù e dei redditi settentrionali contro i difetti e il parassitismo di Roma e del Sud. Tiene inoltre viva l’opzione o la promessa secessionista. In tal modo, la Lega può disporre gratis di militanti, collaboratori e consenso. Antonio di Pietro, aiutato dalla ‘giustizialità’ della sua figura di PM, è messo forse ancora meglio: anche se le ideologie politiche non fanno più presa, non producono quasi più consensi gratuiti, vi sono surrogati di esse, ossia altre chiavi emotigene, che possono produrli anche oggi, sempre gratis, come ai bei tempi:
- l’invidia, soprattutto verso chi ha avuto successo: un sentimento molto diffuso e radicato nella società italiana, e molto coltivato e sfruttato, nella sua storia, dal PCI;
- il gusto scandalistico, la bramosia di screditare, infangare, smascherare, proiettare sugli altri i propri vizi (cultura del sospetto);
- la vendicatività, il bisogno di semplificare e personalizzare in capri espiatori definiti mali che in realtà sono complessi, impersonali e sistemici;
- un desiderio di ‘giustizia’, in parte rettamente intesa, ma perlopiù ambita come giustizia-spettacolo, giustizia-gogna mediatica, intrisa di rivalsa.
Ovvio quindi che l’Italia dei Valori assorba consensi dal morente PD. E, se i suoi potenziali elettori non lo vedranno come un partito d’affari quali sono gli altri, lo farà sempre di più, a misura che, con l’arrivo della parte dura della recessione, la frustrazione popolare e la brama di vendetta e i capri espiatori monteranno.
Marco Della Luna - Mantova, 29.01.09

Nessun commento: