Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La Via Iniziatica Templare. Simboli, riti e misteri di un antico cammino spirituale alla luce delle moderne acquisizioni antropologiche

Pubblicato sul Quaderno di Parapsicologia volume 39 n. 1 del 2008, del Centro Studi Parapsicologici di Bologna: http://digilander.libero.it/cspbologna e sul blog Templari in Monferrato http://www.templariinmonferrato.blogspot.com

Autore: dott. Sergio Antonio Laghi

“ La spada del Templare è il prolungamento
della sua essenza”
( Coomaraswami)

“ Tutto è cenere e polvere, tutto
salvo il Tempio che è in noi.
Esso è nostro.Esso ci accompagna
nei secoli dei secoli”
( Vladimir Maximov)

“ C’erano fuori nemici per distruggerlo
e dentro c’erano spie ed opportunisti
quando lui e i suoi uomini
posero mano a riedificare il muro.
Così edificarono come gli uomini devono edificare
con la spada in una mano e la cazzuola nell’altra.”
( T.S.Eliot)

“ Credo ut intelligam”
( S. Anselmo d’Aosta)
*** *** ***
L’origine della Cavalleria Iniziatica si perde nella notte dei tempi.Il suo seme è forse sparso nella vastità dell’Universo fino ai suoi estremi confini.
Ovunque nasca la vita e ove quest’ultima diventi autocoscienza e ricerca,ivi sorge la Cavalleria Iniziatica.
Nel nostro Pianeta il suo periodo più fortunato e la sua più felice espressione si sono verificati durante il Medio Evo.
La passione per lo studio dei suoi riti e dei suoi simboli,la lunga consuetudine con essi,la ricerca dei loro significati profondi,mi hanno indotto,unitamente al vivo interesse che provo nei confronti delle scienze moderne che riguardano l’uomo, a stendere queste poche pagine nel tentativo di collegare antiche intuizioni con le moderne vedute dell’antropologia e dell’etologia.
Esse vogliono essere un contributo ad una migliore conoscenza del “mistero uomo”.
“Se il Tao potesse essere presentato non vi sarebbe uomo che non lo presenterebbe al suo principe.
Se potesse essere avvicinato non vi sarebbe uomo che non lo avvicinerebbe ai suoi parenti.
Se potesse essere comunicato non vi sarebbe uomo che non lo comunicherebbe ai suoi fratelli.
Se potesse essere dato non vi sarebbe uomo che non lo darebbe ai suoi figli.
Ma ciò non è possibile”.
Sono parole di Lao Tze l’antico Maestro.
Il Tao è la Via,La Norma che pervade tutto e che non può essere spiegata né razionalmente intesa.
E’ la grande Tessitura,la Rete analogica che collega le cose,il Senso interrelato degli esseri.
“Per Esso sono state fatte le cose tutte e senza di Esso nulla è stato fatto di ciò che esiste” (Giovanni 1,3)
“In principio era il Tao,alla base di tutto è il Tao, l’Intendimento che è oltre il Cielo e la Terra”.
“Prima che Abramo fosse Io sono” (Giovanni 8-58)
“Il Cielo e la Terra passeranno,ma le mie parole non passeranno”(Matteo 24-35).
Il Tao è Realtà elusiva e impalpabile come la materia prima degli alchimisti,comunissima,ubiquitaria,ma quasi sempre inconoscibile;ci giocano i bambini.
E’ il Logos,il significato profondo delle cose,il senso della vita,il motivo del mondo,che non si comunica,non si da,non si trasmette,non si presenta,non si insegna,non si descrive,non si immagina,non si concettualizza.
Questa Realtà non pensabile va semplicemente vissuta intuitivamente,profondamente,senza parole.Conoscere il Tao è divenire il Tao.
“Chi conosce il Tao “non ha più luogo ove posare il capo” essendo straniero nella propria terra,è “dolce come l’oceano,senza scopo come la brezza errante”,”silenzioso come un bambino che non ha ancora sorriso”. Chi approda al Tao “esce nel cielo sereno sotto la luna splendente”.
Tutto ciò è sensazione soggettiva e realtà oggettiva nello stesso tempo, è conoscenza e trasformazione.
Purtroppo vi è chi ha ridotto il significato del mondo ad una sensazione soggettiva “sine materia”,a nulla più che un prodotto della mente,a una pura astrazione,a un semplice ” ideale regolativo “.
E’ questo l’atteggiamento patologico dell’uomo contemporaneo figlio della società tecnocratica e razionalista,erede per altro degenere del secolo dei “lumi”,affetto da agnosia grave con perdita del senso della concretezza e atrofia della funzione intuitiva.
Pur essendo privato delle funzioni percettive superiori questo tipo di uomo,come tutti coloro che soffrono di agnosia, è totalmente ignaro del suo deficit per cui paradossalmente ritiene fuori della realtà coloro che di quest’ultima possiedono una percezione più allargata della sua.
In chiave iniziatica questo essere interiormente mutilato fornisce il paradigma dell’uomo profano (letteralmente “fuori dal tempio”) che non è riuscito a “convertire” se stesso,a passare cioè dal sonnambulismo razionale al risveglio intuitivo e che possiede così una dimensione in meno non riuscendo a percepire che un solo aspetto della realtà.
E’ l’uomo che posto di fronte al mondo e alla sua struggente bellezza ha la stoltezza e la presunzione di affermare che l’armonia e il senso di tutto questo (che peraltro egli avverte molto attenuati)non sono che un prodotto della propria mente ponendosi così egli stesso come misura di tutte le cose.E’ in definitiva il folle atto di paranoia cosmica della creatura che osa porsi al posto del Logos.
Come afferma un magnifico aforisma della mistica islamica:
“L’eccellenza è adorare Allah come se tu lo vedessi;
E anche se tu non lo vedi Lui ti vede lo stesso”.
Il profano,sempre che sia “libero e di buoni costumi”,può accogliere al massimo la prima parte dell’asserto.Solo l’iniziato,l’uomo che ha realizzato facoltà intuitive transpersonali,può afferrare la seconda.
“Chi non sa più sentire il significato del mondo-afferma Lao-Tze- è cieco e disperato”. Purtroppo in questi tempi di Kali-Juga questa possibilità catastrofica sta divenendo una realtà. E’ quanto afferma con l’incisività e la chiarezza di un profeta il grande etologo. Konrad Lorentz in uno dei suoi saggi dal titolo: “il declino dell’Uomo”.
“Il concreto reale pericolo che corre attualmente il genere umano-scrive Lorentz-non è solo e tanto costituito dall’inquinamento biologico o dalla possibilità di una guerra atomica quanto dalla progressiva e subdola trasformazione della coscienza dell’ ”Homo Sapiens” che ha come esito una atrofia dei processi conoscitivi superiori di tipo intuitivo.”
Questo lavoro vuole solo essere un piccolo contributo a una migliore conoscenza dell’apparato conoscitivo umano.
In esso ,come ho già detto,ho tentato di armonizzare i significati profondi degli antichi simboli della Tradizione Iniziatica Templare con le moderne acquisizioni della antropologia, della etologia e della psicologia. Ciò nella profonda convinzione della continuità,della unicità e della veridicità della Tradizione.
*** *** ***
Ogni uomo che intenda divenire realmente responsabile di se stesso si assume automaticamente tre impegni fondamentali:
-la autocostruzione della propria interiorità;
-la difesa della propria integrità spirituale;
-la attuazione delle proprie potenzialità affettive e intellettive.
La tradizione iniziatica templare assegna al Cavaliere consacrato,che è simbolo dell’uomo che inizia il viaggio verso se stesso,le tre funzioni principali di costruzione, difesa e consacrazione del tempio.
L’iniziato diviene così contemporaneamente muratore,guerriero e sacerdote.
Il termine “tempio” va naturalmente accolto nella sua più vasta triplice accezione di “imago hominis, ”imago mundi” , “imago dei”.
Tale più ampia significazione estende il raggio d’azione della responsabilità dell’uomo che deve rispondere non solo di se stesso,ma anche del mondo e della Divinità.
Per ognuna delle tre funzioni suddette (muratoria,difensiva,sacerdotale) esiste una ricca serie di simboli su cui è opportuno soffermarsi e che la Tradizione templare indica come oggetto di meditazione profonda da parte degli iniziati.
Così la funzione muratoria (edificazione del Tempio) raccoglie tutti gli elementi degli antichi costruttori di cattedrali che,”sub specie interioritatis”, diverranno strumenti simbolici di edificazione interiore.
Tali sono ad esmpio lo scalpello,il mazzuolo,la pietra,il filo a piombo,la livella,la cazzuola,la squadra ,il compasso, tutti strumenti ben noti alla tradizione libero-muratoria.
Analogamente la funzione difensiva richiama tutte le dotazioni tipiche del guerriero:armatura,spada,lancia,cavallo,elmo,celata,corazza,scudo,anch’esse leggibili i chiave simbolica alla stregua di armi spirituali.
Parimenti i numerosissimi simboli legati alla funzione sacerdotale: Croce,mantello,tonaca,calice,Vangelo,alloro,ulivo,ecc… indicano la massima realizzazione coscienziale dell’iniziato che divenendo soggetto di se stesso può esplicare tutto l’intelletto e l’amore di cui è dotato divenendo realmente “sacerdos sui”.
*** *** ***
L’intelletto dell’uomo,inteso nel senso più ampio del termine, è una realtà binomiale logico-intuitiva o volitivo-intellettiva.
Per poterlo significare in modo soddisfacente ho ritenuto opportuno servirmi di alcuni simboli appartenenti alla tradizione templare.
Mi riferisco:
- al binomio muratorio squadra-compasso;
al simbolo “guerriero” della spada nella sua duplice complementare composizione taglio-punta o elsa-lama;
all’effigie del sigillo templare rappresentante due cavalieri sullo stesso cavallo.
Essi saranno presi in esame successivamente.
L’argomento del presente lavoro verrà trattato in perfetta ossequienza alla “dualitudine templare”, in due chiavi: una chiave razionale logico-analitica e una chiave intuitiva simbolico-analogica.
Dalla armonica comprensione delle due visioni può scaturire un “insight” conoscitivo a livello superiore.
****** ****** ******
L’apparato conoscitivo dell’uomo ha generato durante la filogenesi due organi diversi che funzionano indipendentemente l’uno dall’altro per venire a capo del medesimo compito.
Ci riferiamo ai processi razionali propriamente detti e a quelli cosidetti “raziomorfi” rispettivamente rappresentati dall’emisfero sinistro e dall’emisfero destro del cervello umano.
Più esattamente diciamo che nell’emisfero sinistro sono localizzate le funzioni del pensiero logico e del linguaggio e in quello destro la maggior parte delle esperienze di tipo emozionale soprattutto la visione complessiva, olistica,di tutta la nostra esperienza stessa,la percezione gestaltica o percezione delle forme.
L’intelletto dell’uomo ha infatti due possibilità conoscitive:
-una più recente,logica ,analitica,discorsiva,che si esprime col concetto tramite la parola scritta o orale;
-l’altra più antica,intuitiva,diretta,immediata,in grado di rivelare significati nascosti e non obbiettivabili e che si serve del simbolo
Le attività della prima sono:
la concettualizzazione,che è l’atto di rappresentazione mentale astratta di un oggetto;
il giudizio,che è l’atto con cui si afferma o si nega un determinato rapporto tra due concetti;
il ragionamento,che è l’atto con cui da alcuni giudizi se ne deduce un altro ad essi logicamente connesso.
La seconda forma di conoscenza o conoscenza intuitiva o percezione gestaltica o percezione delle forme,è il fonte più avanzato della conoscenza umana,la punta di lancia (Lorentz) che lo spirito umano sospinge nell’ignoto,ma al tempo stesso essa è custode del già noto,un magazzino nel quale è stato pazientemente accumulato un materiale di dati conoscitivi molte volte maggiore di quello che potrebbe contenere la nostra memoria.
E’ scientificamente dimostrato che il contatto ripetuto e protratto dell’uomo col mondo vivente in particolare con le sue due espressioni più caratteristiche che sono la forma e la grazia, è fattore determinante,tramite la produzione e l’immagazzinamento di immagini,nello sviluppo di questa importantissima facoltà conoscitiva.
La conoscenza intuitiva essendo irriflessa e conducendo a risultati enormemente superiori a quelli conseguibili con la logica,può assumere l’aspetto di una vera e propria rivelazione dall’esterno o dall’alto.
La sua natura è invece del tutto meccanica:essa si rivela nel fatto che ha bisogno di materiale costituito dai dati.
Il suo compito è quello di scoprire dei rapporti tra i dati sensoriali o anche tra unità più ampie della percezione.
Questa funzione è di per sé un piccolo atto creativo.
L’integrazione di due sistemi già esistenti e in grado di funzionare ciascuno per conto suo,crea una nuova unità,un sistema che li comprende e presenta delle caratteristiche che prima della integrazione non esistevano(Lorentz).
Sulla facoltà umana di percepire le forme si fondano:
La costanza della grandezza delle immagini;
la costanza del colore;
l’atto del “realize” (il trasalimento di stupore di fronte al fatto che una cosa, già nota,esiste);
la nostra sensibilità per le armonie esterocettive (musicali,visive,gustative,olfattive,tattili) e propriocettive
Le ripercussioni sulle attività quotidiane della vita pratica sono infinite:
si va dalla forma (solo apparentemente) più modesta del cosiddetto “ buon senso” all’”occhio clinico”,alla eccellenza professionale in campo artistico,artigianale,sportivo,scientifico, fino alla vera e propria genialità o fino a raggiungere addirittura stati di coscienza ontocentrici,transegoici,contemplativi.
Filosoficamente diciamo che tale facoltà intuitiva permette di percepire gli aspetti coestensivi dell’essere delle cose (quello che gli antichi scolastici definivano i trascendentali dell’essere,cioè la verità,la bontà, l’unità la bellezza e l’ordine che sono in ogni cosa.
Mentre la conoscenza derivante dal pensiero razionale propriamente detto (o conoscenza Yang della antica filosofia cinese) è una conoscenza concettuale e come tale indiretta,parziale,delimitante,possessiva,che cerca di cogliere solo certi aspetti prestabiliti e che non implica una trasformazione del soggetto conoscente,la conoscenza della facoltà intuitiva ( o conoscenza Yin ) è diretta,coinvolgente,esposta ,nuda e coglie l’oggetto nella sua totalità,forma,natura,nel suo significato profondo,nel suo messaggio,in un incontro disinteressato,intimo,profondo in cui non esiste possessività,ma accettazione che feconda e arricchisce.
La facoltà intuitiva merita ancora due considerazioni fondamentali:
-va preparata e maturata fin dalla tenera età (l’arborizzazione dei neuroni e l’accensione dei circuiti è un fenomeno per lo più limitato alle primissime età della vita);
-va mantenuta e alimentata con la ripetizione degli stimoli.
E’ acquisizione comune infatti che le armonie musicali,visive,gustative,sono finemente apprezzabili solo dopo reiterate esperienze e che il potere interiorizzante dei riti si ottiene solo con la ripetitività.
Non a caso i bambini che sono immersi naturalmente nel pensiero simbolico chiedono infinite ripetizioni della stessa favola.
Anche se per necessità didattiche abbiamo tenuto distinte e trattate separatamente queste due modalità conoscitive (logica e intuizione),va detto tuttavia che in realtà la conoscenza delle cose avviene contemporaneamente tramite entrambe le funzioni: uno stesso oggetto,una stessa parola hanno sia valenze simboliche che concettuali.
La logica e l’intuizione sono infatti due aspetti complementari dell’intelletto (“grande intelletto” secondo Buber) distinti,ma non separabili completamente. La logica priva di intuizione è una fredda,improduttiva,arida,piatta griglia robotica; l’intuizione che ha perso i contatti con la logica è una farfalla impazzita,un automezzo lanciato in una strada sdrucciolevole,e come tale può esitare in una forma di nichilismo metafisico.
La imprescindibilità della logica dalla intuizione è dimostrata tra l’altro,dalle stesse parole che sto spendendo in queste pagine nell’intento di descrivere i processi intuitivi,parole che sono costruite sulla logica e basate sulla dimostrazione.
Ogni percezione di armonie ha una base logico-matematica ma non può essere ridotta a questa. Due esempi pratici:
Per passare dalla solarità trionfante,risolutiva di un accordo maggiore alla lunarità triste,irrisolta ,lontana del rispettivo accordo minore,devo abbassare di un semitono,cioè bemollizzare,la nota mediana dell’accordo.
La musica araba dal flusso uguale,incessante,ostinato “che inebria,che colma di stupore,che come un vapore narcotico intorpidisce voluttuosamente il pensiero ”,come ha scritto un noto autore, ha una base razionale,matematica,cioè gli intervalli tra le note sono un terzo di tono.
Mentre i moderni riduttivisti “dall’alto” privi di intuito spiegano la bellezza di una cosa con una formula o un rapporto sottostante gli uomini che hanno guadagnato piani coscienza superiore sentono che il rapporto o la formula ci sono perché possa esserci la bellezza. La Creazione prima ha creato la materia,poi la struttura,poi la funzione poi i significati sempre più profondi.
Tra intuizione e logica nella vita dell’uomo che ha intrapreso la via dell’iniziazione,esiste un rapporto evolutivo particolare. L’intuizione va gradualmente anteposta alla logica pur rimanendo ad essa saldamente vincolata e da essa imprescindibile.
In altre parole si può dire che l’iter conoscitivo dell’uomo che intenda realizzarsi va dalla visione logico-analitica a quella intuitiva,dalla conoscenza alla coscienza,dall’idea alla realtà,dall’ideale regolativo alla coscienza ontologica,dal pensare all’essere,dall’ “intelligo ut credam” al “credo ut intelligam”.
Tale excursus è mirabilmente definito in tre famosi versetti Zen:
-Prima di praticare lo Zen,le montagne mi sembravano montagne e i fiumi
mi sembravano fiumi.
-Da quando pratico lo Zen vedo che i fiumi non sono più fiumi e le
montagne non sono più montagne.
-Ma da quando ho raggiunto l’illuminazione,le montagne sono di nuovo
montagne e i fiumi sono di nuovo fiumi”.
E’ evidente il passaggio dalla prima fase di conoscenza concettuale a una seconda fase in cui si avverte l’inadeguatezza di tale conoscenza,fino a una terza fase di percezione diretta intuitiva,immediata,illuminante.
Il suddetto iter evolutivo interiore è anche magnificamente simboleggiato dal reciproco dinamico interrelarsi dei due classici strumenti muratori,squadra e compasso che le Confraternite dei Costruttori di Cattedrali pongono da sempre sul Libro Sacro aperto alla pagina della . “Divinitas Verbi” a mo’ di chiave di lettura,di “Ianua Coeli”,di porta della verità. I tre diversi rapporti che successivamente assumono tra di loro nei tre classici gradi iniziatici i due strumenti, esprimono le tre fasi evolutive dello spirito umano.
Così ad una prima fase in cui la ragione prevale sulla intuizione (simboleggiata dalla sovrapposizione della squadra al compasso:grado di apprendistato muratorio) segue una seconda fase (grado di compagnonaggio)in cui un’asta del compasso scavalca un braccio della squadra(aumento della capacità intuitiva rispetto a quella precedente) fino al realizzarsi della terza fase (grado di maestro)in cui il compasso con le aste notevolmente divaricate e sovrapposto alla squadra indica la prevalenza dell’intuizione fiduciosa sulla ragione:è il “credo ut intelligam” anselmiano.
Mi piace pensare che anche nell’immagine classica del sigillo templare che raffigura due cavalieri avvolti nello stesso mantello e posti sulla stessa cavalcatura,il cavaliere che sta davanti alla guida del cavallo con la lancia in mano rappresenti la facoltà intuitiva,mentre l’altro che sta dietro impugnando la spada significhi la ragione che controlla l’operato del primo.
La stessa situazione interiore può chiaramente leggersi simbolicamente, a mio avviso, nella grande scena drammatica del Golgota che mostra il Cristo crocifisso tra i due ladroni:la Verità tra la ragione e la fede.Alla domanda senza risposta del primo ladrone che sfida Gesù chiedendo una dimostrazione evidente (“se tu sei il Cristo salva noi e te stesso”) simbolo della ragione che rimane sempre insoddisfatta,fa seguito la richiesta fiduciosa del secondo crocifisso,frutto del lampo intuitivo della fede (“Gesù,ricordati di me quando sarai nel tuo Regno”). E’ ad essa e solo ad essa che giungerà la risposta rassicurante del Figlio dell’Uomo:”oggi stesso sarai con me in Paradiso” e che andrebbe forse piuttosto letta:”tu che hai capito questo sei già nell’Eternità”.
E’ in definitiva la stessa risposta intuitiva,salda come una roccia che Simone bar Giona,presso la rupe di Cesarea dà al Maestro che aveva chiesto:”chi dite che io sia?”.Risposta che non deriva da fonti dottrinali o da elucubrazioni interiori o da emotività particolari,ma che trova la sua origine nella parte più profonda della coscienza,nei “Cieli” interiori dove da sempre regna il Padre. Su tale sicurezza interiore- insegna il Maestro- si deve fondare l’Umanità,l’Ecclesia Universale illuminata e fecondata dallo Spirito di Verità.
Nella Storia Sacra questa conoscenza “yin “ è splendidamente rappresentata da tre figure femminili :Eva, Maria di Nazareth, Maria di Magdala :tre forme di apertura della mente ( Eva che causa la”caduta”che è l’inizio della ominizzazione del bruto e (che ha un prezzo dolorosissimo:la consapevolezza della morte), Maria di Nazareth che nelle splendide parole del Magnificat esprime l’accettazione fiduciosa di un piano di Trascendenza che preveda la nascita di un nuovo tipo di Uomo,un Mutante dotato di Coscienza cosmica e infine Maria di Magdala che nella visione del Risorto intuisce per prima l’essenza della immortalità .
Il recupero di tale modalità conoscitiva filogeneticamente più antica (nella sua parte inconscia,istintiva, non nella parte neotenica consapevole)è in realtà una necessità inderogabile della specie “Homo Sapiens” se vuole conservare se stessa e procedere ulteriormente nel cammino filogenetico della conoscenza. Nel mondo biologico il processo di recupero di caratteristiche ancestrali allo scopo di rivitalizzare l’evoluzione della specie,è un fenomeno molto comune.Esso prende il nome di neotenia.
Le parole di Gesù ancora una volta esprimono magnificamente tutto questo:”se non tornerete come bambini,non entrerete nel Regno”.
Certo che tra i numerosi simboli “guerrieri” della Tradizione Templare (funzione difensiva del tempio)la spada è certamente il più pregnante e caratteristico.Esso è al centro del nostro argomento.
Ogni uomo che nasce riceve in dono il bene supremo dell’intelletto che è fattore caratterizzante della specie “Homo Sapiens”.
Analogamente ogni guerriero che viene consacrato riceve in dono una spada che è l’arma della conquista del mondo.
La spada è dunque “sub specie interioritatis” lo spirito,l’intelletto dell’uomo inteso nella sua accezione più ampia (“grande intelletto” secondo Buber) e cioè nelle sue funzioni razionali propriamente dette(o logico intellettive),intuitive,autocoscienziali, volitive.
La spada del Templare-afferma Coomaraswami- è il prolungamento della sua essenza.
Il cavaliere consacrato riceve dunque una spada spirituale che ha nella salda impugnatura dell’elsa il simbolo della volontà;
che ha il taglio affilato,continuo,consequenziale della logica,duplice e opposto nella sua simmetria quale si conviene nel gioco della dialettica degli opposti;una spada che ha la punta acuminata e penetrante della intuizione e che reca sul dorso la lucentezza specchiante della autocoscienza:su di esso sono incise le rune misteriose della vita in una percezione diacronica,patetica,totisimultanea della propria storia in cui vibra alto il pathos della propria vicenda esistenziale: una spada che può avere il peso immenso del mondo e che solamente la grande immensa forza spirituale di un Mutante,di un Figlio dell’Uomo,può impugnare e sollevare dopo averla estratta dalla roccia dei propri inferi.
Una spada che le diabolizzanti forze controiniziatiche tentano da sempre di spezzare (e quasi sempre vi riescono) separando così il Cielo dalla Terra,questo mondo dall’altro mondo,la mente dal corpo, lo spirito dalla materia,il caso dalla necessità ,la Fede dalla Ragione,Dio dall’uomo,il pensiero dall’azione.
Una antica frattura questa,una ferita dolorosa che ci portiamo dentro da tempi immemorabili e che l’epoca attuale minaccia di aggravare e di rendere irreversibile.Un equivoco epistemologico,un deficit di conoscenza e di amore che nel mondo profano chiamiamo morte.Come scrive Meirink nel suo celebre libro “Il Domenicano Bianco:”Il regno di lassù e quello terrestre…in sé ognuno rappresenta una metà,solo insieme essi costituiscono un tutto”. Conoscerete certo la leggenda di Sigfrido:la sua spada era spezzata in due parti;Alberico,l’astuto nano,non era riuscito a rinsaldarla perché era un verme della terra,ma Sigfrido ne fu capace.La spada di Sigfrido è il simbolo di quella duplice vita.Come si possa risaldarla tanto da farla divenire tutta di un pezzo,è un mistero che chiunque voglia divenire un cavaliere deve conoscere.
Il regno di lassù è perfino più reale di questo qui sulla terra. L’uno è un riflesso dell’altro o per dir meglio il regno terrestre è un riflesso di quello lassù e non viceversa”. “Там подлинник , здес бледность копийTam podlinnik,zdes blednost kopii”(”Là l’originale,qui la sbiaditezza della copia”) scrive Boris Pasternak.
Dello stesso parere è Ouspenski il celebre allievo di Gurdjeff : “Quel mondo e il nostro mondo non sono due mondi diversi:il mondo è unico.Ciò che chiamiamo “il nostro mondo” è semplicemente l’errata percezione del mondo visto da noi attraverso uno stretto spiraglio.Quel mondo comincia ad essere percepito da noi come”il mondo dei prodigi” cioè come qualcosa di contrapposto alla realtà di “questo mondo”e nello stesso tempo “questo mondo”,il nostro mondo terrestre comincia a sembrare irreale…La chiave per accedere a quel mondo è il senso del portentoso. L’ostacolo principale al nostro cammino è la nostra divisione del mondo,in questo e in quell’altro…”
E da ultimo Sri Aurobindo:”Il Cielo nella sua estasi sogna una terra perfetta,la Terra nella sua pena sogna un Cielo perfetto,una paura incantata impedisce la loro unione.”
Saldare la spada spezzata è il segreto che deve conoscere ogni Cavaliere.
Significa instaurare un ottimale rapporto,un efficiente sinergismo dinamico,una perfetta convergenza,tra due funzioni conoscitive superiori (razionali e raziomorfe).
Se la nostra spada è intatta,se le nostre due modalità conoscitive lavorano armonicamente e in perfetta coordinazione,allora potremmo percepire la grandiosa varietà della Creazione e al tempo stesso la sua intima regolarità. Potremo scorgere in una parola nella foresta gli alberi e negli alberi la foresta.
La percezione della bellezza,della bontà,della verità,dell’unità e dell’ordine delle cose,l’armonia che vi è tra di esse,unitamente alla lucida consapevolezza dei limiti del nostro apparato conoscitivo,ci renderanno umili e nel contempo fiduciosi.
L’umiltà scaturisce,come abbiamo detto,dalla profonda convinzione della limitatezza del nostro apparato percettivo,dalla rinuncia alla criminale superbia che i confini dello scibile siano i confini del nostro apparato conoscitivo.
La fiducia nasce dalla convinzione della realtà dell’immagine del mondo esterno,mondo la cui obbiettività conoscitiva è,seppure in grado variabile da specie a specie,un dato ben dimostrato,nasce dalla constatazione della bellezza e della grandiosità del mondo,nasce dalla percezione del nostro perfetto inserimento nel mondo di cui siamo tutti interi e di cui portiamo la responsabilità.
Allora non vedremo più l’uomo come lo vede Jaques Monod come uno straniero solo e sperduto ai margini dell’Universo.
Né lo vedremo come lo vede l’idealismo trascendentale di Kant come il polo opposto e l’antagonista di un mondo di per se stesso per principio in conoscibile (Lorentz).
I simboli del mondo cadono continuamente nei nostri terreni interiori,germinano e dànno luogo alle nostre grandi piante spirituali.In esse si posano gli uccelli del cielo (le grandi intuizioni con le quali noi contribuiamo a conservare e a salvare il mondo). L’impoverimento del mondo, il degrado ambientale vanno di pari passo con la decadenza e lo sgretolamento delle attività conoscitive più elevate dell’uomo,essendone causa e nel contempo effetto..
“La terra è nostra madre-dicono le parole altamente poetiche di un grande capo indiano. Qualunque cosa succeda alla terra succede ai figli della terra.Se gli uomini sputano sulla terra sputano su se stessi. Questo noi sappiamo,La terra non appartiene all’uomo,ma l’uomo alla terra.Tutte le cose sono collegate come il sangue che unisce una famiglia……L’uomo non ha tessuto la trama della vita:egli è un filo.Qualunque cosa egli faccia alla trama egli lo fa a se stesso.”
Occorre dunque riimparare a vivere nel mondo in tutti i sensi e con tutti i sensi,occorre riinsegnare ai bambini (o almeno a non impedire loro) a servirsi dei canali sensoriali e percettivi,a guardare,a sentire di guardare,a osservare,ad ascoltare e a toccare,a odorare,a gustare e a sentire di fare tutto questo,occorre incoraggiare la stupefazione,la fiducia,occorre non reprimere,ma canalizzare nel modo migliore l’emotività. Occorre salvaguardare e proteggere tutti i piccoli fratelli viventi:le piante e gli animali.
Da questa rinascita sensoriale e percettiva germinerà la commozione,la simpatia,la compassione,la solidarietà,l’empatia verso tutto il mondo vivente fino alle epressioni più alte della evoluzione onto- e filogenetica dell’ ”Homo Sapiens”: l’amore per il prossimo e il perdono al nemico.
Mi piace spesso citare un detto induista che esprime la progressiva comparsa e trasparenza dell’Essere nel mondo: “Dio dorme nelle pietre,sogna nelle piante,si sveglia negli animali e si contempla nell’uomo”.Questo mondo,questo nostro mondo che noi appena usciti dallo stadio delle scimmie antropomorfe,percepiamo ancora così oscuramente,ci potrà comparire nel suo immenso splendore,quando avremo realizzato il progetto che è già scritto nei nostri cromosomi.
“Ragazzo -dice il poeta Nazim Hikmet-
Non vivere su questa terra come un inquilino
O come un villeggiante nella natura;
Vivi in questo mondo
Come se fosse la casa di tuo padre.
Credi al grano,alla terra,al mare,
ma prima di tutto ama l’uomo.
Senti la tristezza del ramo che secca
Del pianeta che si spegne
Della bestia che è inferma,
ma prima di tutto senti
la tristezza dell’uomo.
Se ci rendiamo conto di essere tutti interi di questo mondo,noi comprendiamo che di questo mondo portiamo tutta intera la responsabilità.
E l’apice della responsabilità è rivolta al prossimo.
Con questo atteggiamento umile e nel contempo ottimista,non concepiremo più l’”al di là” come una proiezione fantastica e angosciata,astratta e irreale come i “ loca pallida” dell’Ade pagano o lo Scheol ebraico, vere e proprie valli delle ombre,copie sbiadite di questo mondo,ma come il risveglio esistenziale a quella stessa unica realtà che ora comprendiamo solo in parte “per speculum in enigmate” attraverso lo specchio circoscritto,annebbiato e fuligginoso dei nostri concetti e che allora (non certo nel senso cronologico di “dopo” e spaziale di “dove”),nella mattina meravigliata del mondo in una dimensione metatemporale,potremo vedere faccia a faccia nella sua interezza non più con occhi di bruco,ma con occhi di farfalla.”
Chi ha ancora il proprio compasso dietro la squadra,chi ha la spada ancora spezzata, chi antepone l’attività puramente razionale a quella intuitiva,non può ancora comprendere questo: predominando in lui l’aspetto logico discorsivo-deduttivo dimostrativo,continuerà a porsi le eterne domande:come,quando,perché,in che modo;chi siamo,da dove veniamo,dove andiamo (domande che nel nostro mondo,nel nostro attuale piano di coscienza,non hanno,non possono e non potranno mai avere risposta).
Costui potrà tentare fantasiose o cerebrali elucubrazioni mentali,abili e ammirevoli costruzioni teologiche,adducendo infinità di prove e dimostrazioni,oppure stanco di tutte queste vane e inutili masturbazioni interiori potrà esitare,negando piani superiori di coscienza,in un razionalismo materialista o in una devozionale gretta passiva acquiescenza fideistica a chi garantirà per lui.
Colui che invece è riuscito ad anteporre il compasso alla squadra,chi è riuscito a divaricare le aste dello strumento applicando il “credo ut intelligam” anselmiano o addirittura l’”amo ut credam” francescano, chi è riuscito a saldare la propria spada,chi ha iniziato la via di questa conoscenza sapiente,accettante,non possessiva,non aggressiva,chi si lascia seminare,invadere,penetrare dai simboli viventi del mondo,comincerà a vedere in tutte le cose bagliori di eternità.
In termini psicologici è l’inizio di una dilatazione coscienziale,in termini biologici sono i prodromi di una mutazione,in termini iniziatici è il dono della Luce,in termini cristiani è l’inizio della Resurrezione.
Ad maiorem Dei gloriam
Sergio Antonio Laghi

Nessun commento: