Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Un inquietante fenomeno pervade il nostro territorio: l'ALESSANDRINIZZAZIONE del Monferrato

Un inquietante fenomeno pervade il nostro territorio: l'ALESSANDRINIZZAZIONE del Monferrato
Di Maciknight di Monferrato
Fonte: Il Monferrato http://www.ilmonferrato.it/index.php
Da alcuni anni è in corso uno strano ed inquietante fenomeno che pervade il nostro territorio, che vorrei definire ricorrendo ad un neologismo. Spero mi scuserete se è un poco difficile da pronunciare ed intimidisce, ma rende bene l’idea del pericolo incombente: l’ALESSANDRINIZZAZIONE del Monferrato, in particolare del casalese. Non a caso fa rima con “mitridatizzazione” …
Il fenomeno è in corso ormai da diversi anni ed ha assunto chiare ed inequivocabili connotazioni quando, un paio di anni fa, si decise di denominare un palazzo del centro storico di Alessandria di proprietà della CCIAA, con il nome di “Palazzo del Monferrato” e si costituì una Società denominata “Palazzo Monferrato Srl”. Nelle intenzioni originarie volevano addirittura denominarla “Monferrato Srl”, ma ne furono impediti da circostanze che sarebbe troppo lungo spiegare …
Da allora tutte le pubblicazioni che escono a scopo promozionale turistico dell’alessandrino portano scritta in copertina l’associazione “Alessandria – Monferrato” con l’evidente intento di far assimilare nel turista o anche nel semplice navigatore in Internet l’accostamento del Monferrato ad Alessandria, infatti se effettuerete una ricerca in rete noterete che ormai è dominante l’associazione di “Monferrato alessandrino”, che è assolutamente ingiustificata, un vero e proprio abuso. Non intendo soffermarmi su quanto è conosciuto da tutti, cioè che storicamente Alessandria non è mai appartenuta al Monferrato (se non in seguito a brevi conquiste belliche) ed è sempre stata nemica storica del Marchesato di Monferrato e della città di Casale (che semmai è la città più rappresentativa del Monferrato nell’attuale epoca storica), e non è sul campanilismo che intendo giustificare le mie affermazioni, in quanto semmai sono un localista, che è un concetto ben diverso e più esteso, infatti mi considero “monferrino” ed in tale veste mi permetto di intervenire.
Quindi Alessandria con il Monferrato non c’entra nulla, ma se ne sta praticamente impossessando. A che titolo? Per promuovere il turismo? Facendolo confluire nel centro storico di Alessandria nel Palazzo del Monferrato? Infatti, paradossalmente è li che probabilmente si dovranno recare i turisti per avere informazioni sul Monferrato … Se veramente si voleva valorizzare il Monferrato, forse era meglio coinvolgere i monferrini e non far calare dall’alto ed imporre iniziative senza alcuna consultazione popolare … forse perché sapevano in partenza che non avrebbero avuto l’approvazione, quantomeno dei casalesi.
Scrivo queste note senza alcun piglio polemico ma semplicemente perché da originario dei luoghi che stanno subendo una sorta di appropriazione indebita, mi sento indignato e spogliato (quasi espropriato) della mia identità di monferrino. Non tendo mai a generalizzare e quindi anche in questo caso ritengo che ci siano persone, non ancora identificate ma identificabili, che abbiano responsabilità precise del fenomeno descritto, e non colpevolizzo gli alessandrini in quanto tali, che probabilmente se fossero stati consultati sarebbero stati contrari anche loro … Se una cosa simile fosse accaduta ad esempio a scapito di Urbino, a proposito della straordinaria storia del Ducato di Montefeltro, che ha molte analogie con quella del Monferrato, se a Rimini o Riccione supponiamo avessero costituito una PALAZZO DI MONTEFELTRO Srl, secondo voi sarebbero stati a guardare passivamente?
Prossimamente quando perverranno turisti nel casalese per conoscere il Monferrato, li manderemo ad Alessandria? Le agenzie locali di promozione turistica le sciogliamo e deleghiamo gli alessandrini ad occuparsene?
Poi sarei curioso di sapere quali sono stati i costi di questa operazione, se vivessimo in una società più trasparente sarebbero stati resi pubblici.
E per ora mi fermo qui, perché non voglio dilungarmi, ma l’argomento merita sicuramente di essere ripreso.
Calorosi saluti

Nessun commento: